Prestiti online: con o senza cessione del quinto?

  • 8 Dicembre 2021
  • admin
  • Nessun commento

Tra tutte le tipologie di prestiti personali online, quelli con cessione del quinto sono certamente quelli più gettonati e diffusi al giorno d’oggi, dato che si tratta della forma di restituzione del finanziamento maggiormente richiesta oggi da tutti i clienti e inoltre è anche la tipologia di prestito online che le banche oggi spesso concedono più facilmente e in minor tempo. Si tratta di un tipo di prestito che presenta numerosi vantaggi, tra cui ad esempio la possibilità di essere concesso anche ai soggetti che sono segnalati al Crif come cattivi pagatori. Inoltre, non occorre nemmeno la scadenza delle rate mensili che sono previste dal rimborso del prestito stesso, in quanto è il datore di lavoro stesso che provvede a pagarle trattenendo una parte dello stipendio del lavoratore dipendente che ha fatto richiesta del prestito.

Considera che solamente i lavoratori dipendenti e i soggetti pensionati oggi possono usufruire di un prestito personale che prevede la cessione del quinto dello stipendio o della pensione. Tuttavia oggi sono disponibili presso banche e finanziarie anche delle soluzioni di credito che sono pensate per chi non percepisce una vera e propria busta paga, oppure sono previste alcune tipologie particolari di finanziamenti, come nel caso del prestito per consolidamento debiti.

Prestiti online e cessione del quinto

Il prestito con cessione del quinto è un tipo di finanziamento il cui rimborso avviene attraverso una trattenuta delle singole rate mensili direttamente sulla busta paga del soggetto che fa richiesta del prestito, ovvero del lavoratore dipendente o del soggetto che percepisce una pensione mensile. Il cliente che intende richiedere un prestito on-line con cessione del quinto può farlo solo se dimostrare il possesso di una valida busta paga di importo sufficiente per poter provvedere al rimborso delle singole rate mensili. Chi fa richiesta di un prestito con cessione del quinto non deve infatti preoccuparsi della scadenza delle numerose rate mensili, ma dovrà solo accertarsi che la trattenuta della rata mensile avvenga sul proprio conto corrente sulla propria busta paga in modo automatico.

La rata mensile prevista dalle rimborso di un prestito con cessione del quinto non può però andare oltre un quinto del salario, inteso sia come stipendio che come pensione, che viene percepito dal soggetto richiedente. Inoltre, tramite questo tipo di finanziamento si può accedere anche a delle agevolazioni economiche sui diversi tassi di interesse, dato che è possibile diluire l’importo dovuto in un arco di tempo maggiore che contribuisce a diminuire ulteriormente l’ammontare della rata mensile prevista dal rimborso stesso. C’è però anche un possibile aumento degli interessi da corrispondere all’ente che ha concesso il credito, in base alla singola soluzione di credito per la quale si opta.

Quando non si può optare per la cessione del quinto?

La cessione del quinto è un tipo di prestito al quale possono accedere solamente i soggetti che dispongono di una buona busta paga come nel caso dei lavoratori dipendenti e dei soggetti pensionati che possono usare la loro pensione per provvedere al rimborso delle rate mensili del prestito. Chi invece non dispone di una autentica busta paga, come ad esempio nel caso dei cattivi pagatori, allora il prestito personale con cessione del quinto è un prodotto finanziario che viene concesso ai soggetti cattivi pagatori più facilmente rispetto ad altre tipologie di finanziamento. Come puoi leggere anche su questo sito web sui prestiti online, tra le principali soluzioni di credito destinate oggi a coloro che non percepiscono una busta paga troviamo ad esempio i prestiti cambializzati, che prevedono un rimborso attraverso le cambiali

I prestiti cambializzati sono dei finanziamenti non finalizzati che vengono concessi anche ai soggetti che sono segnalati al Crif come cattivi pagatori e anche a coloro che hanno dei protesti a carico. Si tratta di un finanziamento particolarmente utile anche per chi non dispone di una vera e propria busta paga su cui operare la cessione del quinto. Il capitale che viene concesso può arrivare anche fino ad un massimo di 50.000€ ed è rimborsabile in dieci anni, vale a dire un 120 rate mensili.