Prestiti veloci e delega di pagamento: come funziona, tutti i dettagli

  • 12 Ottobre 2022
  • admin
  • Nessun commento

I prestiti veloci sono denominati anche prestiti 24 ore. Si tratta di finanziamenti che vengono erogati entro una sola giornata lavorativa e nella maggior parte dei casi si possono richiedere anche direttamente on-line. Il principale vantaggio di questi finanziamenti consiste nella maggiore celerità entro la quale è possibile ricevere una certa liquidità. Di solito, è possibile accedere a questi prestiti solamente se si ha necessità di richiedere piccoli importi, nella maggior parte dei casi non superiori a 5000€.

Le banche prevedono l’erogazione di liquidità abbastanza ridotte; è necessario effettuare una valutazione sulla situazione economica del debitore e sulla sua affidabilità creditizia. Se facciamo richiesta di un prestito online i tempi per l’accredito sul nostro conto bancario si ridurranno notevolmente e potremmo quindi ricevere la liquidità richiesta in tempi abbastanza brevi. Per l’accesso al credito occorre presentare alcuni documenti che possono cambiare in base all’età e alla condizione economica del soggetto richiedente. Inoltre, sono soluzioni di credito accessibili anche da parte degli studenti iscritti regolarmente ad un Ateneo e che hanno un’età dai 18 ai 35 anni.

Delega di pagamento: come funziona

I soggetti che fanno richiesta di un prestito veloce da ottenere in 24 ore dalla loro richiesta possono scegliere la modalità di rimborso più idonea alle loro esigenze. Spesso questa modalità viene scelta direttamente dal creditore che offre in prestito la liquidità richiesta in base alla tipologia di lavoro svolto e dal singolo richiedente, è possibile optare per una particolare modalità di rimborso. Se i richiedenti dispongono di una buona affidabilità di credito e hanno una regolare busta paga mensile possono trovare comodo il rimborso tramite cessione del quinto, che avviene tramite trattenuta un automatica della rata mensile da rimborsare sul conto corrente del lavoratore o del pensionato.

Coloro che dispongono di una busta paga regolare possono anche richiedere una doppia cessione del quinto, chiamata anche delega di pagamento. Si tratta di una forma di finanziamento che ha delle caratteristiche in comune con la cessione del quinto sia per quanto riguarda i requisiti richiesti al richiedente sia per le modalità particolari di rimborso.

La delega di pagamento si verifica quando il richiedente di un prestito non ha la possibilità economica di risanare il debito con una banca o con una finanziaria. Inoltre, la delega di pagamento, chiamata anche il doppio quinto, può essere erogata solo se sussiste un’apposita convenzione con l’azienda, ovvero con il datore di lavoro del dipendente che ne fa richiesta. In buona sostanza, in questa forma di finanziamento il dipendente delega il proprio datore di lavoro nel consentire la trattenuta mensile dell’importo della rata mensile da versare direttamente al creditore. Sul sito web calcolo-finanziamenti.it hai la possibilità di trovare molte altre guide utili.

Come funziona il doppio quinto e chi sono i beneficiari

Il prestito con delega, chiamato anche prestito con doppio quinto, è regolato dall’articolo 1269 del codice civile. Viene denominato anche delega di pagamento o in alternativa doppio quinto, dal momento che permette di raddoppiare l’importo del prestito già ottenuto in precedenza, rimborsando tutta la somma ottenuta tramite il versamento di una doppia rata mensile che, sommati insieme, per legge non possono andare oltre i due quinti dello stipendio o della pensione, vale a dire del salario percepito dal richiedente del prestito.

I beneficiari che possono fare richiesta del prestito con delega di pagamento sono gli stessi beneficiari dei prestiti con cessione del quinto, vale a dire che tutti i lavoratori del settore pubblico o privato che hanno un regolare contratto di lavoro, così come i pensionati INPS ex INPDAP, possono usufruire dei prestiti con delega di pagamento. Grazie al doppio quinto è possibile velocizzare la pratica di approvazione, rendendo quindi l’iter burocratico più snello e veloce.